Il tedesco che non ti aspetti

Quando si parla di Germania ci vengono subito in mente alcuni clichés abusati: gran lavoratori, precisi al limite della pignoleria, freddi e scostanti, mangiapatate e bevitori di birra. Se sulla birra non mi sento di contraddire nessuno, la mia personale esperienza e conoscenza di un particolare tipo di tedesco, il

qui c’è il resto, se ti va

Ninì, mio padre

Posso cominciare dalla fine, da quando ho lasciato scivolare nella sua bara una mia poesia che parlava di noi, o dall’inizio, dal mio primo ricordo, quando mi teneva tra le braccia per farmi dormire e mi cantava “La spagnola sa amar così”. Non c’è differenza per me. Quelle braccia forti

qui c’è il resto, se ti va

Lo zen di Cartier-Bresson

Domenica 25 gennaio si chiude, presso il Museo dell’Ara Pacis a Roma, la retrospettiva Henri Cartier-Bresson. Chi non l’ha ancora vista non se la faccia scappare e approfitti dell’orario di apertura straordinario fino alle 24,00 in questi ultimi tre giorni. L’esposizione ha il grande merito di offrire un excursus sull’intero percorso

qui c’è il resto, se ti va

L’otium di Jimmy

Disegno, musica, danza, poesia e pugilato praticati nel bel mezzo dell’Irlanda rurale: l’ultimo film di Ken Loach, Jimmy’s Hall, racconta le vicissitudini di una sala di campagna aperta dal comunista James Gralton e chiusa dalle autorità locali per ben due volte, la prima nel 1921 sull’orlo della guerra civile, la seconda

qui c’è il resto, se ti va

La fatica passa io mi nascondo

Finalmente papà prese la sua retraite. Cioè andò in pensione, ma in francese ha tutto un altro sapore. Poté finalmente dedicarsi ai suoi studi latini, alle letture notturne senza l’assillo dell’alzataccia. Poté finalmente anche non far nulla. Ma gli piaceva scrivere. Così scrisse tre libri ad uso e consumo propri

qui c’è il resto, se ti va

L’arte di viaggiare secondo Hermann Hesse

Viaggiare, oggi, è un’attività accessibile a tutti, o quasi. È una grande conquista dei nostri tempi, ma dai più sprecata, vanificata, consumata come un rito collettivo privo di significato. Essere un viaggiatore, infatti, è ben altra cosa. Intendo dire un viaggiatore consapevole. Perché se acquistare un biglietto aereo e andare

qui c’è il resto, se ti va