‘A controra

È l’ora del meriggio insolente, dell’assordante frinire delle cicale, del violento contrasto delle bougainville sulle case bianche di calce, quando anche le lucertole cercano riparo tra le crepe dei muri a secco, fra capperi e fichidindia. Dietro le persiane che faticano a tener lontana la luce, la mente cerca il riposo, l’otium. E il sonno. Al risveglio, capita di avere in testa questi pochi versi.

Dorm’ ‘o mare, dorm’ ‘a ggente,
sott’ ‘o frisc’ d’a funtana
pure ‘o cane nun vo’ fa’ niente.

Sulamente ‘o sole tene genio ‘e fatica’,
mentre luntana sona ‘na campana,
‘nfoca ‘a terra comm’iss’ sulo sape fa’.

finestraweb2

Share

I commenti sono chiusi