L’otium di Jimmy

Disegno, musica, danza, poesia e pugilato praticati nel bel mezzo dell’Irlanda rurale: l’ultimo film di Ken Loach, Jimmy’s Hall, racconta le vicissitudini di una sala di campagna aperta dal comunista James Gralton e chiusa dalle autorità locali per ben due volte, la prima nel 1921 sull’orlo della guerra civile, la seconda

qui c’è il resto, se ti va

L’arte di viaggiare secondo Hermann Hesse

Viaggiare, oggi, è un’attività accessibile a tutti, o quasi. È una grande conquista dei nostri tempi, ma dai più sprecata, vanificata, consumata come un rito collettivo privo di significato. Essere un viaggiatore, infatti, è ben altra cosa. Intendo dire un viaggiatore consapevole. Perché se acquistare un biglietto aereo e andare

qui c’è il resto, se ti va

Quiet

Offre molti spunti di riflessione il libro di Susan Cain, Quiet: The power of introverts in a world that can’t stop talking. Il volume, pubblicato nel 2012, è il frutto del lavoro di sette anni di studi e ricerche, ma ha le sue radici nelle prime esperienze infantili di socializzazione forzata, secondo

qui c’è il resto, se ti va

The Art of Stillness

Pico Iyer, giornalista e scrittore, gira il mondo dall’età di nove anni. Inglese di nascita e indiano d’origine, è cresciuto negli Stati Uniti, ma ha fatto del Giappone la propria casa. Nel suo ultimo libro, The Art of Stillness: Adventures in Going Nowhere, riflette sulla necessità di rallentare e di assaporare la

qui c’è il resto, se ti va