National Gallery, il film

Quando vado a Londra non posso fare a meno di fermarmi alla National Gallery. È un rito irrinunciabile perché ogni volta è una scoperta e al tempo stesso una conferma: un immenso e variegato patrimonio artistico offerto e tutelato da una solida e rassicurante istituzione. Questo mondo è magistralmente raccontato

qui c’è il resto, se ti va

Swing, swing, swing

John andava al Savoy, su a Harlem, a vedere ballare i negri. Facevano cose straordinarie, saltavano, si contorcevano, volavano quasi. Diavoli, sembravano. Era il lindy hop, ballo evolutosi dal charleston, chiamato così in onore dell’eroe nazionale Charles Lindbergh e del suo “salto” (hop) al di là dell’Atlantico. John prendeva il

qui c’è il resto, se ti va

Un tè con Shakespeare “l’afghano”

Prendi un’attrice di teatro parigina molto quotata, un giornalista inglese con un passato di commediografo, un entusiasta direttore di una fondazione culturale finanziata a livello internazionale. Metti la convinzione comune a tutti e tre che la cultura sia un elemento indispensabile per il progresso della società e che “la vita

qui c’è il resto, se ti va

Vasca o doccia?

È uno dei dilemmi esistenziali che attanaglia gli italiani: Coppi o Bartali, panettone o pandoro, presepe o albero di Natale, spumante dolce o brut, mare o montagna, petto o coscia? Queste dicotomie sembrano superficiali e risibli ma sono in realtà manifestazioni di filosofie, di weltanschauung, diverse e antinomiche. Così è per

qui c’è il resto, se ti va

Il cibo, delizia e tirannia

“La teoria degli alimenti è di grande importanza etica e politica. I cibi si trasformano in sangue, il sangue in cuore e cervello; in materia di pensieri e sentimenti. L’alimento umano è il fondamento della cultura e del sentimento. Se volete far migliorare il popolo, in luogo di declamazioni contro

qui c’è il resto, se ti va

Contro il logorio della vita moderna

Il buon vecchio Giove si era, come al solito, invaghito di una bella ninfa dai capelli color cenere e gli occhi verdi e viola. Si chiamava Cynara, per via dei capelli grigi, e aveva un carattere orgoglioso e “spinoso”. Vistosi rifiutato, il padre degli dei, che era bello ‘ncazzuso pure

qui c’è il resto, se ti va