‘A controra

È l’ora del meriggio insolente, dell’assordante frinire delle cicale, del violento contrasto delle bougainville sulle case bianche di calce, quando anche le lucertole cercano riparo tra le crepe dei muri a secco, fra capperi e fichidindia. Dietro le persiane che faticano a tener lontana la luce, la mente cerca il riposo, l’otium. E

qui c’è il resto, se ti va

Il tedesco che non ti aspetti

Quando si parla di Germania ci vengono subito in mente alcuni clichés abusati: gran lavoratori, precisi al limite della pignoleria, freddi e scostanti, mangiapatate e bevitori di birra. Se sulla birra non mi sento di contraddire nessuno, la mia personale esperienza e conoscenza di un particolare tipo di tedesco, il

qui c’è il resto, se ti va

Quiet

Offre molti spunti di riflessione il libro di Susan Cain, Quiet: The power of introverts in a world that can’t stop talking. Il volume, pubblicato nel 2012, è il frutto del lavoro di sette anni di studi e ricerche, ma ha le sue radici nelle prime esperienze infantili di socializzazione forzata, secondo

qui c’è il resto, se ti va

The Art of Stillness

Pico Iyer, giornalista e scrittore, gira il mondo dall’età di nove anni. Inglese di nascita e indiano d’origine, è cresciuto negli Stati Uniti, ma ha fatto del Giappone la propria casa. Nel suo ultimo libro, The Art of Stillness: Adventures in Going Nowhere, riflette sulla necessità di rallentare e di assaporare la

qui c’è il resto, se ti va